Il premio produzione nelle farmacie italiane

In questo sondaggio Farmacisti Al Lavoro ha voluto verificare la diffusione nelle farmacie italiane dei premi di produzione, principale forma di retribuzione straordinaria.

Quante farmacie italiane erogano il premio produzione? Con quali criteri? E di che importo?

Diverse volte, su Farmacisti Al Lavoro, abbiamo toccato il tema della bassa retribuzione dei farmacisti collaboratori. Ci sono, come abbiamo visto e come vedremo, diversi modi per aumentare il proprio reddito da farmacisti se non si possiede una farmacia. Uno di questi è sfruttare i benefici fiscali di un regime misto dipendente / partita IVA, mentre una novità per tutta la categoria potrebbe arrivare con il passaggio dal contratto del commercio a quello sanità, che come vedremo prossimamente potrebbe rappresentare una scelta vantaggiosa sia per i titolari che per i dipendenti. In questo sondaggio ci siamo invece occupati di un altro tipo di retribuzione, quella straordinaria. Quante farmacie italiane erogano il premio produzione? Con quali criteri lo erogano? E a quanto ammonta, mediamente?

Leggi tutto “Il premio produzione nelle farmacie italiane”

© Riproduzione riservata

Ammanchi di cassa: il collaboratore deve risarcire il titolare?

Da tempo si dibatte se il collaboratore sia responsabile, e in quale misura, degli ammanchi di cassa a fine giornata. L’opinione di Farmacisti Al Lavoro in risposta al quesito di un collega.

Salve dottore, spero sia in grado di risolvere il mio quesito. Due settimane fa mancavano dalla mia cassa circa 55 € a fine giornata. Premetto in quella cassa ci lavoro prevalentemente io, anche se mi capita di darmi il cambio con il collega per qualche cliente. Sulle prime il titolare mi ha detto di non preoccuparmi, ma oggi mi ha chiesto di rendergli l’importo in contanti non appena avrò ricevuto il bonifico dello stipendio. È una richiesta legittima?
La saluto, Dott. Vale Sartan

Leggi tutto “Ammanchi di cassa: il collaboratore deve risarcire il titolare?”

© Riproduzione riservata

Il farmacista e lo stipendio da duemila euro al mese.

In questo approfondimento, Farmacisti Al Lavoro spiega come sfruttare i benefici fiscali di un regime misto dipendente / libero professionista, per guadagnare oltre 2000 € al mese senza lasciare il proprio posto di lavoro.

Arrivare a duemila euro al mese è impossibile per un farmacista dipendente? Non secondo la strategia di Farmacisti Al Lavoro.

Da quando ho iniziato ad occuparmi del lavoro in farmacia, sono stato molto attento alle varie recriminazioni che i farmacisti collaboratori in regime di lavoro dipendente muovono nei confronti dell’attuale sistema, e sicuramente quella più diffusa è relativa alla retribuzione. <Guadagnamo troppo poco>, questo sembra essere il coro unanime che si leva da parte di quanti, una farmacia propria, non ce l’hanno nè hanno le risorse per acquistarla. I titolari replicano- non senza valide ragioni- che nonostante il basso stipendio netto, a loro un farmacista dipendente costa comunque circa 40.000 € l’anno, a causa dell’elevato costo del lavoro, e sicuramente alcune tra le farmacie più piccole entrerebbero in sofferenza se dovessero offrire ai propri collaboratori uno stipendio degno di un professionista- tanto per dare dei numeri, con un salario che sia almeno prossimo ai 2000 € al mese. Un problema senza soluzione? Non secondo Farmacisti Al Lavoro.

Leggi tutto “Il farmacista e lo stipendio da duemila euro al mese.”

© Riproduzione riservata

Lo sconto medici in farmacia

In questo sondaggio abbiamo chiesto ai farmacisti italiani se nella farmacia dove operano venga praticato uno sconto ai medici, e che cosa pensino di questa pratica che appare ancora piuttosto diffusa.

“Sono un medico, mi fa lo sconto?”. A chiunque lavori in farmacia è capitato, prima o poi, di sentirsi dire una frase del genere.

“Sono un medico, mi fa lo sconto?”. A chiunque lavori in farmacia è capitato, prima o poi, di sentirsi dire una frase del genere. Ma da dove nasce questa pratica? Se vogliamo cercare un’origine storica, dobbiamo probabilmente risalire ai tempi, ormai sempre più remoti, in cui le farmacie lavoravano quasi esclusivamente con la mutua e quindi i bilanci dipendevano, in larga misura, dal comportamento prescrittivo dei medici generalisti. Adesso molte grandi farmacie, quelle urbane in particolare, hanno portato la percentuale di fatturato SSN al di sotto del 40% e sicuramente i farmacisti hanno smesso di dipendere dai medici per quanto riguarda le vendite di medicinali, aumentando progressivamente le competenze e la capacità di consiglio. Tuttavia, lo sconto medici pare ancora diffuso in molte realtà. In questo sondaggio, abbiamo chiesto ai farmacisti se nella farmacia dove operano viga ancora lo sconto medici, di quale misura sia e, soprattutto, che cosa ne pensino.

Leggi tutto “Lo sconto medici in farmacia”

© Riproduzione riservata