Farmacista nutrizionista: siamo abbastanza competenti?

I farmacisti italiani sono favorevoli o contrari all’introduzione della figura del farmacista nutrizionista, alla luce della proposta contenuta del Ddl sulle competenze del farmacista e dopo la dura reazione dei biologi? Farmacisti Al Lavoro chiede la vostra opinione in questo sondaggio.

L’ampliamento delle competenze dei farmacisti è un tema centrale nell’attuale dibattito della nostra categoria, tanto che viene proposto da molte voci come una delle possibili soluzioni alla grave disoccupazione.  Una possibilità sarebbe l’introduzione della figura del farmacista nutrizionista, proposta formalizzata proprio in questi giorni nel Ddl Mandelli-D’Ambrosio Lettieri sull’ampliamento delle competenze dei farmacisti, e che ha scatenato le ire dei biologi. Cosi ha dichiarato Ermanno Calcatelli, presidente dell’ONB: <Lo store della sanità. In alcune farmacie si vendono uova fresche e ora analisi e profili nutrizionali. Competenze e professionalità zero dei farmacisti in questo settore poco importa. Noi ci opporremo>.

In questo sondaggio vogliamo quindi chiedere ai farmacisti italiani che cosa pensino a riguardo: ha ragione Calcatelli a dire che non siamo competenti in materia di nutrizione, o piuttosto il Ddl di riconoscerebbe una competenza che finora ci è stato impedito di utilizzare?

Leggi tutto “Farmacista nutrizionista: siamo abbastanza competenti?”

© Riproduzione riservata

Numero chiuso a farmacia: le ragioni dei critici.

Non tutti i farmacisti appoggiano la proposta della FOFI di introdurre il numero chiuso nazionale a Farmacia. In questa intervista diamo voce ai farmacisti non titolari e ai farmacisti titolari di parafarmacia, per mezzo dei loro rappresentanti.

In un editoriale della scorsa settimana abbiamo spiegato per quale ragione noi di Farmacisti Al Lavoro siamo assolutamenfe favorevoli all’introduzione del numero chiuso nazionale nelle facoltà di farmacia, proposta peraltro ripresa dal DDL Mandelli-D’Ambrosio Lettieri appena presentato in parlamento assieme ad altre proposte utili per il rinnovo della professione. In questo articolo abbiamo però voluto dare spazio anche ad alcune voci critiche: che cosa ne pensano in proposito il presidente del sindacato dei farmacisti non titolari (che abbiamo recentemente intervistato in merito al rinnovo del contratto dei collaboratori) e il vicepresidente della FNPI, la federazione delle parafarmacie italiane?

Leggi tutto “Numero chiuso a farmacia: le ragioni dei critici.”

© Riproduzione riservata

Farmacisti nell’industria farmaceutica: ruoli e retribuzioni

In questo approfondimento, Farmacisti Al Lavoro presenta i vari ruoli a cui i farmacisti possono ambire nell’industria farmaceutica, con le relative aspettative in termini di retribuzione.

Solo il 22% dei farmacisti non è né titolare né collaboratore né direttore di farmacia.

Secondo una nostra statistica basata sui dati Pgeu 2015, sui 79.000 farmacisti italiani professionalmente attivi solo 17.000, ovvero il 22%, non lavorano come titolari, direttori o collaboratori di farmacia. Fra questi, una buona fetta è rappresentata da titolari di parafarmacia e informatori scientifici, oltre che da farmacisti liberi professionisti e da docenti universitari. Sono solo un’esigua minoranza i farmacisti impiegati nell’industria farmaceutica, nelle strutture sanitarie private e nel servizio sanitario nazionale, e su di loro aleggia un po’ di mistero. Hanno fatto la scelta giusta, o avrebbero fatto meglio a seguire il percorso dei loro colleghi impiegati nella distribuzione del farmaco sul territorio? In questa serie di approfondimenti cercheremo di capire quali sono i ruoli a cui farmacisti possono ambire al di fuori della farmacia e, naturalmente, indagheremo la loro aspettativa in termini retributivi. In questo approfondimento ci occuperemo dei ruoli specificamente riservati anche ai laureati in farmacia disponibili nell’industria farmaceutica.

Leggi tutto “Farmacisti nell’industria farmaceutica: ruoli e retribuzioni”

© Riproduzione riservata

Le differenze fra stage e apprendistato

Quali sono le principali differenze fra stage e apprendistato, dal punto di vista della retribuzione, delle ferie, della malattia e dell’ENPAF? Tutte le risposte in questo approfondimento di Farmacisti Al Lavoro.

In varie occasioni sono pervenute a Farmacisti Al Lavoro domande riguardanti la differenza fra il contratto di apprendistato e lo stage, altrimenti definito come tirocinio extracurricolare. In effetti apprendistato e stage sono due modalità di lavoro completamente diverse, regolate da normative diverse e riguardo alle quali è opportuno fare luce.

Leggi tutto “Le differenze fra stage e apprendistato”

© Riproduzione riservata

Test d’ingresso a farmacia: noi siamo favorevoli, ecco perché.

Troppi farmacisti, poco motivati, poco selezionati, che faticano a rivendicare il loro ruolo sanitario. In questo editoriale, vi raccontiamo perchè Farmacisti Al Lavoro appoggia la FOFI nella proposta del numero chiuso nazionale a Farmacia.

La FOFI ha proposto, come soluzione alla disoccupazione, il numero chiuso nazionale nelle facoltà di Farmacia.

Il numero chiuso programmato è la proposta elaborata dalla FOFI, per voce del suo presidente Andrea Mandelli, per cercare di risolvere il problema della disoccupazione nella nostra categoria: 7000 farmacisti attualmente in cerca di lavoro, che potrebbero diventare quasi dieci volte tanti nei prossimi vent’anni se non si troverà una soluzione per contenere il problema. Nel prossimo approfondimento daremo spazio all’opinione di alcune voci critiche (anche se la maggior parte dei farmacisti sembra favorevole), ma in questo editoriale di Farmacisti Al Lavoro vorrei spiegarvi perchè, personalmente, sono assolutamente favorevole.

Leggi tutto “Test d’ingresso a farmacia: noi siamo favorevoli, ecco perché.”

© Riproduzione riservata