Vaccinazione, dalla Fip una guida di riferimento per i farmacisti

Un nuovo testo della Fip fornisce indicazioni e obiettivi su come costruire e mantenere aggiornate le competenze sui vaccini nella pratica farmaceutica.

Il corso di laurea in farmacia e il percorso di aggiornamento professionale dei farmacisti devono prevedere una preparazione relativa ai vaccini e a tutte le attività legate all’immunizzazione. A sostenerlo è l’International pharmaceutical federation (Fip), che ha realizzato un nuovo testo a supporto della categoria, totalmente focalizzato sulle competenze vaccinali. Intitolata “Fip vaccination reference guide”, questa nuova risorsa si propone di supportare la formazione accademica e lo sviluppo professionale dei farmacisti in materia di vaccinazione. Come rimarca più volte nell’introduzione, la Federazione è fermamente convinta dell’importanza di iniziare a preparare i farmacisti sui vaccini fin dall’università, motivo per cui dedica una sezione della guida a questo ambito, spiegando che il testo si rivolge a «educatori e istituzioni accademiche, professionisti, organizzazioni di categoria e decisori politici». Sia la sezione dedicata agli accademici sia quella indirizzata ai farmacisti che già esercitano sono ricche di strumenti di preparazione e valutazione delle competenze che dovrebbero essere raggiunte nei rispettivi ambiti.

Il ruolo del farmacista.

Sono molteplici le attività legate ai vaccini che un professionista della farmacia può a svolgere. La guida della Fip presenta un intero capitolo al ruolo del farmacista, che passa dalla promozione ed educazione dei pazienti, alla gestione della supply chain, agli adempimenti burocratici fino alla somministrazione e alla farmacovigilanza. Come spiegano gli autori di questa sezione, «la farmacia è una professione in evoluzione, che cambia per soddisfare le esigenze dei pazienti, delle comunità e dei sistemi di assistenza sanitaria. In particolare, i farmacisti stanno giocando un ruolo sempre più importante nell’assistenza sanitaria di base e nella salute pubblica, attraverso la prevenzione, lo screening e l’ottimizzazione delle terapie. Negli ultimi decenni, anche il ruolo relativo alla vaccinazione si è espanso in tutto il mondo. Con una formazione adeguata, i farmacisti hanno tutte le competenze per svolgere una serie di funzioni che contribuiscono al miglioramento dei tassi di copertura vaccinale, come consigliare il paziente, garantire la fornitura e la corretta conservazione delle dosi vaccinali, somministrare i vaccini e gestire i registri».

I contenuti della guida.

La guida della Fip approfondisce numerosi ambiti di competenza che i farmacisti e gli educatori possono acquisire se adeguatamente formati. Dopo aver esaminato una ad una le funzioni che un farmacista può svolgere in quest’area, vengono fornite indicazioni per identificare le policy che possono portare alla partecipazione e qualificazione del team della farmacia. Segue poi un capitolo dedicato alla preparazione accademica, che passa in rassegna le competenze sulla vaccinazione che dovrebbero essere trasmesse agli studenti in farmacia e vengono illustrate le aree teoriche e pratiche da affrontare nei corsi universitari. La Fip propone anche esempi di programmi già utilizzati in vari paesi. Sono poi proposti i risultati di apprendimento che dovrebbero essere raggiunti alla fine della formazione universitaria. La guida riserva l’ultima parte alla preparazione e verifica delle competenze dei farmacisti che già esercitano la professione, con vari riferimenti anche alle normative.

© Riproduzione riservata

Autore: Farmacisti al Lavoro

Il blog per i farmacisti che non si accontentano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.